Comment are off

La vita è più forte di tutto

“La vita è più forte di tutto”. La vita vuol vivere, vuole esprimersi, espandersi, non si rassegna mai e non si dà mai per morta. Quando tutto sembra finito la vita ci crede ancora; quando tutto sembra esaurito o morto, la vita è capace di nascere e di sbocciare nel modo più incredibile o inaspettato. Gli alberi sono fatti per crescere per venire fuori; le gemme sono fatte per uscire fuori per sbocciare e per fiorire; gli uomini sono fatti per venire fuori come persone, per esprimere tutto il potenziale che racchiudono e l’amore che contengono. La vita vuole venire...
Continua a leggere →
Comment are off

Difendiamo i nostri figli

Ci chiamiamo “Ingannevole come l’amore” perché l’amore è ingannevole quando si esaurisce in un “secondo me” che rende lecita e buona ogni cosa. Non basta sentirsi motivati dall’amore… per amare! “Amare” richiede infatti l’umiltà (cioè il non-narcisismo!) di riconoscere una “verità” che ci è data, una struttura oggettiva di fondo dell’umano che non viene posta da me o da te, da questa o quella autorità, da questa o quella moda del momento. È in quest’ottica che la nostra Repubblica “riconosce i...
Continua a leggere →
Comment are off

Dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna…

“Dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna… qualcuno la pensa così… Io credo invece che i grandi uomini siano quelli che hanno compreso finalmente che le donne sono grandi ed è per questo non possono stare dietro, ma accanto a condividere un destino, una strada, per cercare INSIEME un senso alla vita. Mi piacerebbe non si usasse più quella frase “dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna” perchè stare dietro non è il luogo delle donne. Mi piacerebbe che pensassimo che uomini e donne stanno accanto per compiere insieme grandi...
Continua a leggere →
Comment are off

Desidero essere desiderato…

Trovo su un libro una bella storia relativa al Rabbino Baruch: 《Il ragazzo Jehiel giocava un giorno a nascondino con un altro ragazzo. Egli si nascose ben bene e attese che il compagno lo cercasse. Dopo aver atteso a lungo uscì dal nascondiglio, ma l’ altro non si vedeva. Jehiel si accorse allora che quello non l’aveva mai cercato. Questo lo fece piangere, piangendo corse nella stanza del nonno che si lamentò del cattivo compagno di gioco. Gli occhi di Rabbi Baruch sì empirono allora di lacrime ed egli disse: “così dice anche Dio: ‘io mi nascondo, ma nessuno mi...
Continua a leggere →